CONFERENZA INVESTCRO – INVESTIMENTI NEI SETTORI STRATEGICI

Mercoledì 12 giugno si è tenuta la terza conferenza Investcro, organizzata da Poslovni Dnevnik, Vecernji list e 24 ore sotto l’alto patrocinio della Presidente della Repubblica croata, Kolinda Grabar Kitarovic, con i partner, tra cui l’Associazione degli Imprenditori Italiani in Croazia.
La conferenza si è occupata di tre settori chiave attraverso presentazioni e tavole rotonde, turismo, energia e infrastruttura.
Ministro D’ economia, sig. Darko Horvat ha inaugurato la conferenza e in questa occasione ha sottolineato che la crescita del PIL del 3,9 % nel primo trimestre mostra chiaramente che, dopo un certo numero di anni turbolenti, l’economia croata si sta finalmente muovendo nella giusta direzione. “Ripeto continuamente che abbiamo bisogno di un po’ di pazienza e di fiducia. Abbassiamo la palla a terra, tutti questi buoni numeri sono ora alle nostre spalle e non sfrutteremo il vantaggio di loro se non li trasformeremo in continuità. Per questo motivo, sempre bisogna sottolineare l’importanza del partenariato e della cooperazione tra Stato, enti locali e regionali, il mondo accademico e gli imprenditori stessi al fine di favorire una crescita ancora più forte per l’economia”, ha detto in questa occasione il ministro Horvat.

In apertura della conferenza si è rivolto anche il capo redattore del Poslovni dnevnik, sig. Vladimir Nišević, che ha colto l’occasione per sottolineare che la presenza di rappresentanti delle camere di commercio locali ma sopra tutto internazionali, gli investitori istituzionali e rappresentanti delle banche alla manifestazione, molti dei quali partecipano alla organizzazione del progetto, dimostra che questo è un progetto molto importante. “La Croazia, stiamo assistendo in questi giorni, sta avanzando in termini di rating del credito e miglioramento delle condizioni commerciali e, di conseguenza, una vita migliore per tutti i cittadini croati. In questi incontri, vorremmo incoraggiare la discussione e fornire suggerimenti concreti che potremmo rivolgere al governo o ai ministeri “, ha affermato Nišević.

AIIC, come il partner della Conferenza è stata coinvolta attivamente in tavola rotonda nel settore energetico, dove uno di partecipanti è stato il signor Claudio Canaccini, il rappresentante dell’investitore italiano Liquigas, che opera con la società Butanplin in Croazia. Canaccini ha sottolineato che la decarbonizzazione rappresenta una grande opportunità per la Croazia, sia per l’industria che per l’intera società.
– Il terminale GNL su Krk è solo uno di quei progetti che fa un grande passo avanti verso la decarbonizzazione. Ci sono 13.000 compagnie di trasporto in Croazia che hanno trasportato 17 milioni di tonnellate di merci sulla strada. Il problema di una decarbonizzazione più forte è il sostegno dello stato necessario per far crescere il settore privato in quel segmento. È importante che imprenditori privati ​​parlino con gli enti statali, far capire cosa potrebbe ottenere e perché è positivo sia per le aziende che per i cittadini. „Ho la sensazione che quando lavoro in Croazia, non è un problema nella preregolazione del sistema, ma nella burocrazia che è lenta e non abbastanza efficace. Se hai bisogno di 4-5 anni per realizzare il progetto e raggiungere l’obiettivo, nel frattempo ci può essere un grande cambiamento nelle regole che crea grandi problemi, ha spiegato Canaccini.
Julije Domac, il direttore della Regea sottolinea che è essenziale per cambiare la percezione circa la filosofia di investimento, mentre Ivan Andročec, responsabile delle strategie di investimento e delle nuove tecnologie e Sviluppo della HEP (Produttore e distributore dell’energia croata), ha sottolineato che è tutta la questione dei numeri – i prezzi. La strategia potrebbe aiutarci a semplificare le procedure e i regolamenti e rendere più facile la pianificazione e l’investimento. Sono necessari collaborazioni e partnership nei progetti energetici specialmente nelle fonti energetiche rinnovabili.

Alla conferenza si è presentata anche la fondatrice e la proprietaria di Z-Run Industria Wellton, sig.ra Jiang Yu, che ha espresso l’ammirazione per la Croazia, così come un desiderio di cooperazione e di crescita reciproca tra i due Paesi in futuro. Siniša Malus, Responsabile dell’associazione per comunicazioni Cina e paesi sud-est europei di business (CSEBA), il potenziale croato, in particolare del turismo croato, e quanto è visibile in Estremo Oriente, in ultimi due o tre anni si vedono i dati concreti, la crescita dei turisti cinesi, oltre a numerosi premi per il turismo croato acquisito nelle fiere in Cina. Spazio per lo sviluppo del turismo ha tanto sul mare Adriatico ma anche nell’interni, per cui è necessario investire e lavorare sullo sviluppo, sono le parole del direttore dell’Associazione croata del turismo Veljko Ostojic. Nell’ambito di questo progetto multimediale, Poslovni Dnevnik e Večernji list, il giorno della conferenza hanno pubblicato gli articoli sull’Associazione degli imprenditori italiani con concordato il proseguimento della cooperazione nell’ambito di quarta conferenza che si terrà entro la fine dell’anno.
Gli articoli sono disponibili sui link:

https://www.vecernji.hr/biznis/italija-je-prva-zemlja-za-uvoz-hrvatske-robe-1325478

http://www.poslovni.hr/poduzetnik/interes-talijanskih-investitora-za-hrvatsku-jos-je-u-uzlaznoj-putanji-354243

  Fotografie: Matija Habljak/PIXSELL

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *