L’iniziativa delle Camere di commercio bilaterali continua

L’iniziativa delle Camere di commercio bilaterali continua le sue attività al fine di migliorare il clima imprenditoriale in Croazia per gli investitori stranieri
I rappresentanti delle Camere, il 29 gennaio, hanno tenuto un incontro molto produttivo presso il Ministero dell’Amministrazione della Repubblica di Croazia con il Segretario di Stato, la Sig.ra Katic Prpic e i consiglieri del ministro, il sig. Željko Holik e il sig. Tomislav Mičetić Il ministero ha presentato la strategia della riforma per la pubblica amministrazione e il sistema e-cittadini, sottolineando che detta riforma prende i primi passi già a febbraio. Proprio il Ministero dell’amministrazione guiderà l’attuazione delle riforme per essere un esempio di buone pratiche per le altre istituzioni statali.
Il Segretario di Stato ha sottolineato l’importanza del dialogo con le Camere Estere invitando ad una cooperazione ancora più forte e un’iniziativa congiunta nell’interesse di tutte le parti coinvolte.
Il Ministero ha inoltre annunciato un piano per gli appalti pubblici per il 2019 e invita tutti gli imprenditori interessati a prendere parte al processo di gara, conseguendo così la cooperazione nell’attuazione diretta delle riforme.
I rappresentanti delle Camere hanno ancora una volta sottolineato che hanno accolto con favore gli sforzi del Governo e che si vedono i progressi, ma hanno anche chiesto un’attuazione delle riforme ancora più efficiente e più rapida offrendo il loro aiuto rappresentando la voce degli imprenditori / investitori.

Il piano degli appalti pubblici è disponibile qui e prestiamo attenzione ai punti  dal 56-72.

ECAPITAL CULTURE – Start up School– III Edition – SPRING 2019

Fondazione Marche, Marche Regione, Camera di commercio di Ancona, Università Politecnica delle Marche e citta’ di Ancona presentano l’invito per le idee per la terza edizione di “ECAPITAL Culture Adriatic Start Up School” fper creare le Start Up in campo di cultura, specialmente nella macro regione  Adriatico – Ionia.

L’invito e la brochure trovi su seguenti link:

Invito

Brochure

Incontro con il Ministro dell’economia, Imprenditorialità e Artigianato

Martedì , il 22 gennaio 2019, i rappresentanti delle Camere di commercio internazionali in Croazia hanno incontrato il Ministro dell’Economia, Imprenditorialità e Artigianato, il Sig. Dark Horvat, il Segretario dello Stato, il Sig. Zdenko Lucić e l’Assistente del Segretario, Sig.ra Božica Lapic.
L’argomento dell’incontro è stato il risultato della ricerca condotta dalle 6 Camere di commercio internazionali nel 2018 che hanno redatto i suggerimenti e le proposte per misure volte a migliorare l’ambiente imprenditoriale e migliorare gli scambi commerciali tra la Croazia e i paesi d’origine.

Ricordiamo che nell’iniziativa hanno partecipato oltre la Camera di commercio italo croata, anche Camera di commercio americana (AmCham) in Croazia, Ufficio per il commercio estero austriaco, Rete commerciale canadese-croata (CCBN), Camera di commercio e industria tedesco-croato e Camera di commercio dei paesi nordici, con oltre 1.200 aziende associate in Croazia che impiegano oltre 150.000 persone e rappresentano oltre il 50 per cento degli investimenti esteri in Croazia.
Il Ministro, così come i suoi colleghi del Ministero dell’Economia, hanno accolto l’iniziativa e chiesto un dialogo più frequente tra il Ministero e le Camere per miglioramenti fornendo una visione diretta delle reali esigenze degli imprenditori stranieri. Il Ministro ha proposto incontri con le Camere ogni due mesi allo scopo di creare miglioramenti comuni e accelerare i processi.

Ci e’ stato presentato il programma del MINGO che nel 2019 ha tre obiettivi strategici:
1. Crescita della produzione industriale
2. Crescita delle esportazioni
3. Aumentare il numero di innovazioni e la crescita dei RIS
Il Ministero ha preparato una mappa delle società che sono della maggiore proprietà statale, per le quali saranno ricercati partner o investitori stranieri. Già questo venerdì, ci sarà un invito a manifestare l’interesse per la ristrutturazione dei cantieri navali di Pola e Fiume, e il Ministro ha annunciato un grande interesse da parte degli investitori italiani.
Inoltre, sono state annunciate nuove quote di energia, che secondo le parole del Ministro, saranno aumentate di tre volte, e i primi bandi sono previsti già nella prima metà di quest’anno.

l Segretario di Stato, sig. Lucić ha inoltre presentato nuove misure per i prestiti per PMI da HAMAG – BICRO con tassi di interesse eccezionalmente favorevoli, la continua digitalizzazione dell’amministrazione statale e un processo di valutazione degli investimenti più rapido ed efficiente. Lucić ha anche invitato le Camere a cooperare e sostenere il lavoro del Ministero.
Le Camere accolgono con favore ogni iniziativa volta a migliorare l’attività in Croazia e sono aperte al dialogo e alla cooperazione.
Per continuare a fare i miglioramenti e dare i suggerimenti, la prossima settimana le Camere incontreranno il Ministro dell’amministrazione, il signor Lovro Kuščević.

Pagamento premi esenti

Venerdì 30.11.2018, alle 16:20h, dopo l’orario di lavoro, nella Gazzetta Ufficiale 106/18. è stato pubblicato il decreto sulle modifiche al Regolamento sull’imposta sul reddito delle persone fisiche con applicazione dal 01.12.2018. Siamo delusi nuovamente dal ritardo nella pubblicazione del regolamento, all’ultimo secondo come al solito, così anche noi informiamo i nostri clienti con ritardo.

Secondo il nuovo regolamento il datore di lavoro ai propri dipendenti può pagare esente da tasse e contributi l’importo di 5.000,00 annui come premio per le prestazioni di lavoro e altri tipi di premi (integrazione salariale aggiuntiva allo stipendio mensile, ecc), con pagamento obbligatorio sul conto corrente dei dipendenti.

Il lavoratore può ottenere il premio per i risultati del lavoro nell’importo di 5.000,00 kn complessivamente da tutti i datori di lavoro. Ciò significa che i lavoratori dipendenti part-time da più datori di lavoro devono rilasciare una dichiarazione con l’importo ricevuto presso l’altro datore di lavoro. Nel caso in cui il premio per prestazioni di lavoro è già stato pagato da parte di un altro datore si può pagare solo la differenza fino all’importo di 5.000,00 kn.

Per le gratifiche natalizie, premi pasquali, indennità di ferie, ecc  non ci sono cambiamenti e ai dipendenti si possono pagare esente da tasse e contributi 2.500,00 kn, regali per i bambini fino a 15 anni di età kn 600,00 e un dono in natura kn 600,00 con le stesse condizioni come è stato prescritto finora.

Decreto sull’importo minimo del salario 2019

 

Ai sensi dell’articolo 7 della legge sul salario minimo (Gazzetta Ufficiale, 39/13 e 130/17), il governo della Repubblica di Croazia ha emanato un DECRETO SULL’IMPORTO MINIMO DEL SALARIO che stabilisce come segue:

Livello minimo del salario per il periodo dal 1 ° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019 è determinato nell’importo lordo di HRK 3.750,00.

Il presente regolamento sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale ed entrerà in vigore il 1 ° gennaio 2019.

Fonte: B.L.Consulting

L’iniziativa della camera bilaterali per migliorare il contesto imprenditoriale in Croazia

Presso l’hotel esplanade a Zagabria, il 15 novembre si e’ tenuta conferenza stampa con il tema di miglioramento del contesto imprenditoriale in Croazia.

Inefficacia della pubblica amministrazione, incertezza giuridica, onere fiscale, mancanza di manodopera qualificata e lavoro del governo sono ostacoli fondamentali per le imprese in Croazia, afferma la presentazione di giovedì il 15 novembre,  di ricerche e raccomandazioni per migliorare l’ambiente imprenditoriale di sei camere di commercio bilaterali.

L’iniziativa per il miglioramento del contesto imprenditoriale e il miglioramento degli scambi commerciali tra Croazia e paesi d’origine e’ stata inviata da Camera di commercio americana (AmCham) in Croazia, Associazione degli imprenditori italiani in Croazia, Ufficio austriaco del commercio estero, Rete commerciale canadese-croata (CCBN), Iniziativa di cooperazione industriale tedesco-croata e Camera di comercio di paesi scandinavi in Croazia. In qualità di presidente di CCBN, Joe Bašić, alla conferenza stampa ha sotto lineato, sei organizzazioni economiche rappresentano attualmente oltre 1.200 aziende associate in Croazia, che impiegano oltre 150.000 persone e rappresentano oltre il 50 % degli investimenti esteri in Croazia.

La ricerca, presentata dal direttore dell’ufficio austriaco per il commercio estero,  Sonja Holocher-Ertl, a qualle hanno partecipato le 473 aziende appartenenti a queste organizzazioni. I risultati combinati mostrano, nonostante alcuni sensibili cambiamenti in meglio, che le aziende e i potenziali investitori devono ancora affrontare numerosi ostacoli.
Inoltre, si stima che i miglioramenti nell’economia croata, rispetto al resto dell’Europa, si verificano in modo insufficiente e lento.
Quando si tratta dell’inefficienza della pubblica amministrazione, per i membri degli Stati Uniti, delle Camere canadesi e nordiche, procedure amministrative complesse e lunghe sono il più grande o il secondo principale fattore limitante negli affari.

Nel 42% dei casi, le aziende hanno identificato l’area di applicazione delle normative e procedure legali da parte di autorità come quella che si è deteriorata negli ultimi cinque anni. D’altra parte, nessuna delle aree in cui le aziende riconoscono i miglioramenti non è direttamente sotto responsabilità del governo.
Inoltre, i membri statunitensi dichiarano un quadro normativo instabile come il più grande problema che hanno affrontato negli ultimi cinque anni e, a giudizio delle compagnie statunitensi, canadesi e nordiche, il peggior peggioramento negli ultimi cinque anni, in seguito all’attuazione di procedimenti legali, è legato alla qualità del quadro legislativo. Ciò indica il 33% degli intervistati, mentre la giustizia come il problema più grande rileva il 31% degli intervistati.
L’assenza di certezza del diritto è una delle questioni più critiche, nel 61% dei casi, da parte dei membri della Camera austriaca.

Nella ricerca delle camere americane, canadesi e nordiche, il terzo fattore limitante più importante è la tassazione del lavoro, mentre i membri delle Camere canadesi e nordiche hanno un carico fiscale elevato sul lavoro al quarto posto.
La mancanza di personale  qualificato come l’attuale problema principale negli affari è stata riportata dai membri delle Camere canadesi e nordiche, e il 27% di queste e le Camere degli Stati Uniti valutano la qualità personale qualificato che si sta deteriorando negli ultimi cinque anni.

Nessun membro della Camera italiana non ha espresso soddisfazione per la disponibilità di manodopera qualificata mentre, al contrario, almeno il 26% dei membri degli Stati Uniti, Canada e camera Nordica considera la qualità di mandopera tra i tre vantaggi chiave della Croazia rispetto ad altri paesi della regione.
Per quanto riguarda il ruolo del governo nel migliorare le condizioni economiche, il 42% della Camera di commercio statunitense, canadese e nordica ritiene che il lavoro del governo sia negativo e il 46% di membri ritengono che non ha avuto nessuna influenza. Le imprese della Camera di Commercio italiana hanno dato un rating peggiore, con il 56% di esse ritengono il lavoro di governo male, il 33% medio e il 6% buono.

Per concludere, nella ricerca, tra i membri Americani, Canadesi e Nordici, solo il 13% delle aziende ritiene che le condizioni per fare affari in Croazia siano tra le migliori dell’Europa centrale e orientale, mentre il 36% ritiene che siano tra le peggiori o addirittura peggiori.
Quindi, da 20 paesi dell’Europa centrale e orientale, le aziende tedesche sono attratte dall’investimento in ottava posizione. Inoltre, il 27% delle imprese della Camera di commercio tedesca e italiana ha dichiarato che non sceglierebbero più la Croazia come destinazione d’investimento preferita.

Raccomandazioni per migliorare l’ambiente

Insieme con presidente di CCBN, Joe Bašić e direttore dell’ Ufficio austriaco del commercio estero , Sonja Holocher-Ertl,  Andrea Doko Jelušić, direttore esecutivo della AmCham, Gordana Fuštar, direttore esecutivo della Camera nordica, segretario generale dell’Associazione degli imprenditori italiani in Croazia, Andrea Perkov, e direttore della Camera di commercio e dell’industria tedesco-croata Sven Thorsten Potthoff hanno presentato raccomandazioni per migliorare il contesto imprenditoriale, che sono collegati al miglioramento del sistema di servizio pubblico, riducendo il carico fiscale sul lavoro e collegando il sistema di istruzione alle esigenze del mercato del lavoro.
Considerano, tra le altre cose, che è necessario introdurre sanzioni in situazioni in cui i dipendenti pubblici stanno facendo il loro lavoro in modo inefficiente e premiano i dipendenti che superano le aspettative. I rappresentanti delle organizzazioni chiedono anche la digitalizzazione delle istituzioni e dei servizi pubblici, il che si tradurrebbe in servizi pubblici più rapidi e più trasparenti.

È stato inoltre sottolineato che l’Agenzia per gli investimenti e la competitività (AIK) dovrebbe rimanere un’agenzia indipendente perché è considerata un fatto chiave per gli investitori che prendono in considerazione le attività commerciali in Croazia.
Sostengono inoltre che la tassazione del lavoro in Croazia è significativamente più alta rispetto a quella dei paesi comparabili e che i salari netti, dopo tutte le passività e i contributi, sono relativamente modesti rispetto al costo totale del datore di lavoro. Le Camere accolgono favorevolmente gli sforzi del Governo per ridurre l’onere fiscale sul lavoro e, d’altro canto, stimano che il beneficio complessivo dei dipendenti aumenterà considerevolmente se determinati pagamenti ai lavoratori non sono considerati reddito imponibile, compresi il risarcimento dei dipendenti, il contributo per le attività sportive o l’assicurazione sanitaria complementare.

Quando si parla di competenza di manodopera, si afferma che nella maggior parte dei casi l’azienda deve investire risorse e tempo affinché un giovane possa acquisire una conoscenza pratica della professione per la quale è stato precedentemente formato. Quindi si desidera rafforzare le conoscenze pratiche attraverso la pratica obbligatoria o lo stage a tutti i livelli di istruzione. Accolgono con favore l’introduzione di un duplice modello nell’istruzione professionale, ma richiedono anche un maggiore coinvolgimento delle imprese e l’ascolto dei bisogni degli imprenditori nello sviluppo di curriculum educativo.

 

Ricerca partner d’affari

Vi trasmettiamo le ricerche dei partner d’affari in UE dalla Newsletter della Rete europea d’affari.

Se trova interesse di collaborazione, si prega di mandare la richiesta alla email mkovacevic@hgk.hr

Con i sueguenti dati:

  1. Codice profilo (POD reference)
  2. informazioni di propria societa’
  3. che cosa cerca/offre
  4. contatto

BRUK20180220001 – Un’azienda del Regno Unito è alla ricerca di produttori di maglieria. L’azienda britannica si impegna a trovare un partner di produzione europeo per la produzione di una serie di indumenti a maglia utilizzando il proprio filato o filo dai partner. I potenziali contratti di produzione comprendono appaltatori esterni o contratti di subappalto. Questa società multinazionale ha uffici e strutture di distribuzione negli Stati Uniti, in Canada, in Messico e nel Regno Unito, fornendo supporto ai commercianti e ai loro clienti in tutto il Nord America, il Regno Unito e l’Europa. Realizzano una serie di prodotti di maglieria utilizzando filati in diversi stili di maglieria, come milano, mezzo milano, ecc. I prodotti della gamma comprendono abiti, cardigan, abiti senza maniche e prodotti personalizzati.

BRFR20180927001 – Una società francese che produce navi sta cercando subappaltatori. L’azienda produce barche a vela da regata e da crociera e vuole subappaltare la produzione di uno dei loro modelli. Il prodotto è una barca a vela premiata di 10 metri di lunghezza. L’azienda è alla ricerca di un subappaltatore specializzato nella produzione di parti di materiali compositi e ubicato nell’Europa orientale. Il partner deve garantire la produzione di 1 barca al mese.

BRFR20181022001 – L’azienda francese sta cercando un subappaltatore che si occupa di lavorazione del legno e falegnameria in Europa. L’azienda progetta, sviluppa e vende una vasta gamma di giocattoli in legno (auto, getti in cui i bambini possono swing) per i bambini. L’azienda sta cercando un produttore che produrrà piccoli pezzi di faggio bianco massiccio. Il partner dovrà offrire il proprio prezzo per ciascuna delle diverse parti (con costo di spedizione e senza costi di spedizione) per 100, 200, 500, 1000 e 2000 pezzi.

BRDE20180410001 – Un’impresa tedesca impegnata nella vendita di abiti da lavoro offre un contratto di produzione. Una piccola azienda tedesca che vende abbigliamento da lavoro e protettivo (pantaloni da lavoro, giacche, vestiti, t-shirt, polo) cerca nuovi fornitori in grado di produrre questi prodotti. I partner dovrebbero essere basati in paesi dell’Europa orientale. L’azienda tedesca offre un contratto di produzione. Il numero di pezzi da ordinare può variare: ad esempio 500 pantaloni o 3.000 camicie. A volte ci sono ordini più grossi per gli acquirenti che hanno un contratto con l’azienda.

Presntazione dell’elicottero equipaggiato come piccola unità di terapia intensiva

Con orgoglio trasmettiamo un nuovo sucesso di nostro socio ELI ADRIATIK, che riccordo, e’ stato riconosciuto e premiato con ITA CRO BUSINESS REWARD 2018.

Venerdì, il 19 ottobre all’aeroporto di Pribislavac, un moderno elicottero è atterrato con operatori di emergenza di Lubiana e Italia. È una cooperazione a lungo termine, e questa volta con il suo arrivo ha permesso l’introduzione di un elicottero, equipaggiato come piccola unità di terapia intensiva.
Lo staff dell’Istituto di medicina d’urgenza della contea di Međimurje, in accordo con lo staff medico di emergenza di Lubiana e Italia, ha organizzato una breve presentazione di attrezzature moderne, tra cui un elicottero.

“La collaborazione è iniziata da molti anni e recentemente ci siamo incontrati in una competizione dei servizi di emergenza in Slovenia, dove abbiamo concordato questa cooperazione transfrontaliera. Ci collega questo speciale senso di salvataggio, e oggi ci hanno dato il tempo di mostrarci tutte le attrezzature che stiamo usando – ha detto il capo tecnico dell’Istituto di medicina d’urgenza della contea di Međimurje, Romeo Novak.
È un mezzo di trasporto ad alta velocità e, grazie all’apposita attrezzatura medica, l’inizio del trattamento è già disponibile durante il trasporto dei pazienti prima che arrivano all’ospedale. Una visita alla contea di Medjimurje è stata raccontata da un membro del personale del Centro Clinico di Ljubljana, Robert Sabol.

– Attualmente vivo e lavoro a Lubiana, lavorando con Elifriulia, che da oltre trent’anni gestisce il salvataggio in elicottero e oggi abbiamo deciso di introdurre un moderno elicottero secondo gli standard europei. Con lo stesso elicottero sanitario abbiamo avuto l’onore di prendere parte all’esercitazione a Vinkovci e ci è stata data la possibilità di atterrare a Međimurje al ritorno. Così per la prima volta in Međimurje è atterrato un elicottero di salvataggio reale. Nel 2017 Elifriulia ha aperto la compagnia Eliadriatik in Croazia, che ha tutto il merito di aver portato l’elicottero a Pribislavec.

L’elicottero è completamente attrezzato come il veicolo sanitario e raggiunge alte velocità a causa di emergenze. In un tempo di 10 minuti, l’elicottero può passare 40 chilometri, il che significa che si prenderà cura di Cakovec a Zagabria per un’emergenza, in 20 minuti. Vivere per il soccorso delle persone è davvero una missione vitale indispensabile – ha affermato Robert.